Diritti di Recesso

 


Il decreto Lsgl.n.190 del 19 agosto 2005 art.11, disciplina il diritto di recesso per i contratti finanziari stipulati " a distanza";si intendono specificatamente gli acquisti a distanza fatti tramite telefono o tramite internet siano essi conseganti a domicilio oppure ritirati presso la sede della società o presso un punto di presenza sul territorio.

 

Cosa si intende? Il consumatore ha diritto di esercitare il Diritto di recesso, entro un termine di 10 giorni dal ricevimento della merce con un preventivo avviso nell'arco delle 48h dal ricevimento.Tale diritto consiste nella facoltà di restituzione del bene acqustato al venditore e nel conseguente rimborso del prezzo di acquisto.

A chi si applica? Il diritto di recesso non copre ogni acquirente.La prima limitazione è la sua applicazione soltanto ai consumatori.

 

Il Codice Civile, infatti, lo definische in tali termini: "il consumatore è la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta"(art.1469 bis).In sostanza, aziende e professionisti con partita Iva non possono far valere il diritto di recesso per acqusti effettuati in tale veste.

 

Le esclusioni

 


Il diritto di recesso decade totalmente qualora il prodotto restituito non sia integro, ovvero:

mancanza dell'imballo originale dove presente

assenza di elementi integranti del prodotto

recesso parziale su parte del prodotto acquistato come accessori o ricambi.